Rassegna stampa PDF Stampa E-mail

 

 

MOUNTAIN BIKE XC REGIONALE 

 Pietro Sarai si aggiudica l'Arestis Cup.
 
 
 E spunta la spagnola Del Campo
 
 
 
 
Lunedì 19 aprile 2010
 
Non è certo il successo di Pietro Sarai (quinto su cinque prove) la novità emersa dall'Arestis Cup organizzata ieri a Quartu dall'omonima società e valida per il campionato sardo di cross country. Lo è semmai quello, in campo femminile, di Ana Celia Creus del Campo, spagnola di Ibiza trapiantata in Sardegna, che ha occupato il posto che di solito è della francese Valerie Dochy, altra sarda d'importazione.
CLASSIFICHE Open: 1) Pietro Sarai (Piscina Irgas 3C), 2) Alberto Olla (Giorgione Ozierese Carrera). Elite master: 1) Mauro Vacca (Gs Runner), 2) Alessandro Salis (Royal Bike Ss), 3) Antonangelo Pala (Arkitano Mtb). Juniores: 1) Andrea Tocco (G. Ozierese Carrera), 2 Manuel Porcella (Piscina Irgas 3C), 3) Alessio Diana (G. Ozierese). Allievi: 1) Ignazio Concu (1° anno, Arkitano) e Marco Serpi (2° anno, G. Ozierese). Esordienti: 1) Giovanni Piana (1° anno, Mtb Sennori) e Marco Concas (2° anno, Taxus Baccata). Donne giovani: 1) Sofia Nuscis (Al. Ossidiana), 2) Giorgia Falchi (Al. Arkitano), 3) Simona Cossu (Es. Mtb Sennori). Master 1: 1)Giorgio Carta (Techno Bike), 2) Giacomo Cabras (id.). Master 2: 1)Luca Piga (CT Cireddu), 2) Filippo Ortu (Gs Runner). Master 3: 1) Massimiliano Cadelano (CT Cireddu), 2) Flavio Sulas (Royal Bike). Master 4: 1) Antonello Puggioni (Progetto Sport), 2) Giuseppe Urbano (Extreme Bike). Master 5: 1) Giorgio Sara (Mtb Sennori). Master 6: 1) Enea Casti (Extreme Bike). Donne: 1) Ana Celia Creus del Campo (Runner), 2) Elisabetta Talana (Ped. Iglesiente), 3) Silvia Caria (Sc Arcidano).
 


                 

6-aprile-2009  

                             

3^ ARESTIS CUP 2009

 

                                                                                                                                                                                                                                                                
Fonte: Unione Sarda
                                 
                                       
                                                                                                                

 

Oggi vogliamo farvi conoscere un amico che abbiamo avuto modo di incontrare personalmente domenica 20 aprile durante la 2^ Arestis Cup.

     

        

Stiamo parlando di Alberto Masala, un giovane figlio del Sarrabus nonchè talentuoso fotografo che con la sua fida Nikon, sta immortalando domenica dopo domenica i momenti più belli ed i passaggi più tecnici dei tanti bikers che affrontano le gare di mtb sparse nel territorio.
Partiamo dunque con una breve intervista a questo giovane fotografo:
  
D - Ciao Alberto, la prima cosa che vogliamo chiederti è quando hai capito che il mondo della fotografia ti affascinava talmente tanto da investire il tuo tempo, passione....e denaro in questa avventura
R - Ciao a tutti e grazie per lo spazio che mi concedete. Credo che, come tanti altri hobbies, anche questo sia nato per caso, o meglio per la mia curiosità nell’affrontare ogni giorno nuove situazioni con le quali confrontarmi.
Mi ritengo uno sportivo in tutti i sensi, anche se tra gli sport che ho praticato e pratico tutt’ora non ho mai pensato a gare agonistiche.
Per quanto riguarda il passaggio da hobbie a passione viscerale per la fotografia, credo che sia avvenuto solo 2-3 anni fa quando, scoprendo la fotografia digitale ho imparato moltissimo grazie alle possibilità che questo strumento ci offre.
                     
D – A quanti anni hai fatto il tuo primo scatto e a quale soggetto? e con quale macchina?
R – Probabilmente, i primi scatti li feci circa 15 anni fa con una Yashica che mi regalò mia nonna per la cresima, ma credo che la mia avventura nel mondo della fotografia sia iniziata realmente nel 2001 quando acquistai la mia prima reflex, una Yashica fx3 2000 super con la quale iniziai a capire che per fare foto non  bastava pigiare semplicemente un pulsante.
                            
D – Hai intenzione di aprire uno studio fotografico o ritieni che per il tuo tipo di attività la cosa più importante sia avere un sito internet dinamico e ben funzionante?
R –  Beh, credo che il sito sia la mia finestra sul mondo, per far vedere agli altri ciò che faccio, ma sarebbe davvero il mio sogno, avere uno studio nel quale svolgere la mia attività, che per ora non può essere la mia prima fonte di sostentamento.
Diciamo che sto sondando il terreno per capire se la mia passione si possa concretizzare nel mio futuro lavoro.
D'altronde sarebbe poco saggio lanciarsi a capofitto su un qualcosa di cui non conosci tutti i meccanismi e con tutte le difficoltà che si incontrano nell’aprire un’attività…
Quindi meglio fare un passo alla volta
                                     
D – Generalmente preferisci fotografare più paesaggi “statici” o immagini in movimento, e quale tra i due richiede più preparazione tecnica?
R – La mia prima mostra fotografica è stata proprio un reportage naturalistico, paesaggi e animali dello stagno delle saline di Muravera (paese natale), devo dire però che il mio futuro davanti all’obiettivo, sia lo sport.
Entrambi prevedono la conoscenza della tecnica, ma credo che una bella foto sportiva non possa prescindere dalla conoscenza e magari dalla pratica dello sport stesso da parte del fotografo.
                              
D – In base a quale criterio scegli l’evento o la manifestazione dove andare a scattare le foto?
R – Ti direi che le cose, a me, capitano per caso; forse è davvero così , ma come ho detto prima, lascio che sia la mia curiosità a portarmi ogni giorno ad affrontare nuove situazioni, nuovi problemi da risolvere che certamente aiutano a crescere, in tutti i sensi.
                                            
D – Trai vari tipi di sport che segui con la tua fedele Nikon, qual è quello che ti regala più emozioni tra uno scatto e l’altro? (puoi anche ammettere che non sono le gare di mtb!!!)
R – Ad essere sincero credo che sia il winsurf freestyle, il primo sport che ho avuto la fortuna di seguire, grazie agli amici che praticano questa disciplina, ma la MTB mi sta dando enormi soddisfazioni e spero che la cosa continui.
                                                     
D – Per gli amici bikers che stanno leggendo puoi dire quanto costa acquistare una foto in formato digitale e se sono previste condizioni particolari per l’acquisto di più foto? Inoltre quali sono le modalità di pagamento?
R – Il prezzo di ogni file su cd o dvd alla massima risoluzione delle mie  fotocamere (6-10 Mpixel) è 2,00€ più 1,00 € per il cd con la sua custodia. (faccio sconti per quantità, es squadre)
Questi i prezzi delle stampe su carta fotografica realizzate nel mio laboratorio di fiducia a Cagliari:
13x19cm  2,00€
15x22cm  3,00€
20x30cm  5,00€                        
25x38cm  8,00€                         
30x45cm  10,00€                         
40x60cm  15,00€
Seguendo tutte le gare riesco a portare le foto e a ricevere il pagamento alla gara successiva. Inoltre nel dopo gara sono a disposizione per mostrare le foto delle gare precedenti già disposte per squadre e quindi facilmente reperibili, magari masterizzando subito le immagini o prenotarle per la prossima gara stampate o su cd.
Nel caso in cui non ci si possa incontrare, posso spedire tutto per posta prioritaria, vi basterà effettuare un bonifico sul mio conto o una ricarica postepay, aggiungendo al totale, le spese di spedizione che per un cd sono poco più di  1,00€
                                                          
D – A quale prossima gara avremmo il piacere di rincontrarti? Hai già un calendario delle gare di mtb in cui effettuerai i servizi fotografici?
R – Spero di seguire tutte le gare di quest’anno ovviamente in caso di sovrapposizione di eventi dovrò fare una scelta. Intanto mi preparo per la prossima point to point a Villacidro.
                                               
 D – Grazie Alberto per la tua disponibilità a questo botta e risposta ma grazie soprattutto per le foto emozionanti e professionali che ci stai mettendo a disposizione. Speriamo di rincontrarti il prima possibile magari mimetizzato in qualche cespuglio all’interno di un single-track pronto ad immortalare le nostre folli gesta.
R – Sono io che vi ringrazio per la disponibilità e per l’accoglienza che mi avete dato
Un saluto a tutti i bikers e agli amici degli Arestis Mtb Team.
Ah se volete vedere le foto della mia prima mostra fotografica, potete venire a Cagliari in Via San Giuseppe, 17 (Castello, vicino alla torre dell’elefante) aperta sia al mattino che alla sera fino alle 21:00 avete tempo sino all’8 maggio.
Vi aspetto.
Dunque amici bikers coraggio, ora tocca voi “cliccare” non con la macchina fotografica ma bensì con il vostro mouse nel link del nostro amico Alberto, scegliere le vostre foto preferite e….ordinarle ! ! ! !
Ciao a tutti e alla prossima

Nicola “Nepic” Epicureo

 

 

  

                                     

                                      


ARESTIS CUP 2008     

 Articolo de "L'Unione Sarda" del 21-4-08 di Carlo Alberto Melis     

 

      


 

                                                                

Questa settimana vi segnaliamo l'associazione "Asfodelo trekking Sardegna"  Una tra le più importanti realtà escursionistiche della nostra regione. Sul loro sito troverete un dettagliato e ricco calendario corredato da numerose immagini. Vista la passione per la natura e l'ambiente che accomuna le nostre associazioni abbiamo deciso di unire tecnicamente i nostri siti attraverso i link di collegamento fra i nostri siti preferiti.

 Asfodelo trekking nasce nel 1994 dopo alcuni anni di collaborazione con diverse associazioni e società turistiche operanti nel campo naturalistico. Dalla stagione 94/95 propone annualmente un programma di turismo ambientale relativo ad escursioni di uno o più giorni in Sardegna, Corsica e nelle più conosciute località europee. Tra i primi nell'isola ad aver aderito alla A.I.G.A.E. (associazione italiana guide ambientali escursionistiche) si occupa altresì di tutte le attività del settore quali: didattica, consulenze 
                                                                            
                                      
                                 

                                         


                     

 

ECCO I MITICI ARESTIS APPARSI SU MTB MAGAZINE DI DICEMBRE 2007

                                  

 

                                              

ANCHE GLI ARESTIS IN CLASSIFICA FINALE

                                           

La squadra più numerosa è il Gruppo Pedalando di Roma

                            

Il gruppo romano è stato premiato dalla compattezza del suo organico e dalla capacità di realizzare una foto di gruppo con un numero di unità superiore a quello di tutte le altre squadre. Numeri di grande rilievo che caratterizzano una delle realtà associative nella mtb più numerose d'Italia. La formula è chiara: radunare gli appassionati , proporre loro un ricco calendario di uscite in diverse località per dare a tutti la possibilità di uscire in bici con altri bikers del club. Dal prossimo numero però la sfida ricomincia da capo. Quindi, appena avete pronte le nuove maglie e in occasione della prima uscita della vostra squadra portate con voi una macchina fotografica e spedite le foto.....la foto classifica riparte. le ultime squadre di questa stagione appartengono a due realtà diverse: quella del Gc San Bortolo di Monselice (Pd) costituita di recente.  L'altra squadra, quelli di Quartu S'ant'Elena (CA). L' Arestis Mtb Team, invece, hanno una vocazione un pò più agonistica, in entrambe i casi, parlando di squadre amatoriali, l'aspetto ludico rimane comunque preponderante su tutto il resto.  l'importante è divertirsi stando insieme, con questa rubrica, diventa anche divertente farsi vedere e conoscere da tutti gli altri bikers italiani  
 
 
                                    

   
Lunedì 12-11-2007   
Vi segnalo quest'oggi un sito internet di un ragazzo, Gianluca, che ha lasciato il suo lavoro per dedicarsi ad un altro: la passione per il contatto con la natura da vivere a suo modo e sopratutto creando questa attività per dare la possibilità di far provare anche ad altri una esperienza diversa tramite i suoi Quad (moto a quattro ruote).

Ieri abbiamo provato questa esperienza, casco in testa e zaino siamo partiti alle 9 dalla sede della Naturquad a Dolianova ed in sella a questi fantastici mezzi della Polaris abbiamo percorso quasi 50 km attraversando i monti di Dolianova  (San Giorgio), il parco a San Niccolò Gerrei de Su Niu de S'achili, risaliti sino a Monte Genis e riscesi lungo dei sentieri per rientrare alle 16:30 alla base di partenza A parte il tempo (vento, freddo e anche un pò di pioggia) abbiamo visitato siti nuragici, pozzi sacri, incontrato cacciatori intenti in battute al cinghiale, guadato fiumi, trovato funghi, bevuto da sorgenti naturali, pranzato al sacco e tanto altro sempre all'insegna del rispetto per la natura e la quiete del paesaggio che ci circondava.
Perciò consiglio, a tutti coloro amanti del trekking a piedi o delle escursioni in bici in mezzo alla natura di provare, almeno per una volta, a viverla anche in quest'altro modo.
Per ulteriori informazioni:   http://www.naturquad.it/

  


 

 
 


Meteo Sardegna


Banner